MMO.it

jeromy walsh

Chronicles of Elyria: nuove notizie sul futuro del titolo

Chronicles of Elyria: nuove notizie sul futuro del titolo

Come saprete, il progetto Chronicles of Elyria era sostanzialmente morto a seguito del licenziamento degli sviluppatori e della chiusura di fatto dello studio di sviluppo, Soulbound Studios. Il CEO della software house Jeromy Walsh aveva annunciato a fine marzo la difficile decisione, salvo poi fare un’inaspettata marcia indietro. Aveva infatti pubblicato una lettera nella quale diceva che, malgrado tutto, “si sarebbero cercate strade alternative” per continuare lo sviluppo del gioco – soprattutto dopo che molti utenti, in primis su Reddit, si erano coalizzati nel tentativo di interpellare le vie giudiziali tramite il Washington Attorney General, una sorta di procuratore noto per le sue precedenti lotte in difesa dei consumatori. Alla fine era uscito fuori che era solo…

Chronicles of Elyria: il CEO Jeromy Walsh assicura che il gioco è ancora in sviluppo

Chronicles of Elyria: il CEO Jeromy Walsh assicura che il gioco è ancora in sviluppo

Come saprete vi avevamo portato, un mesetto fa, la triste notizia della morte di Chronicles of Elyria, l’ambizioso (forse troppo) MMORPG sandbox che, dopo otto milioni di dollari ricevuti su Kickstarter, ha visto licenziato il suo team di sviluppo e chiuso lo studio. Ma poi Jeromy Walsh, il CEO dell’ormai fu Soulbound Studios, aveva pubblicato una lettera nella quale diceva che, malgrado tutto, “si sarebbero cercate strade alternative” per continuare lo sviluppo del gioco – soprattutto dopo che molti utenti, in primis su Reddit, si erano coalizzati nel tentativo di interpellare le vie giudiziali tramite il Washington Attorney General, una sorta di procuratore noto per le sue precedenti lotte in difesa dei consumatori. Le cose non sono finite…

Chronicles of Elyria: malgrado la chiusura dello studio, il CEO spera ancora di salvare il gioco

Chronicles of Elyria: malgrado la chiusura dello studio, il CEO spera ancora di salvare il gioco

Recentemente vi abbiamo portato la triste notizia della morte di Chronicles of Elyria. Gli sviluppatori del gioco sono stati licenziati e Soulbound Studios è stato chiuso, dopo che erano stati raccolti via crowdfunding circa 7,9 milioni di dollari. La shitstorm che ha seguito l’annuncio della chiusura è stata epocale: tra la gente inviperita c’è stato anche chi ha intrapreso le vie giudiziali adendo il Washington Attorney General, una sorta di procuratore noto per le sue precedenti lotte in difesa dei consumatori. Ma il CEO della software house Jeromy “Caspian” Walsh, che aveva scritto la lettera nella quale annunciava la morte dell’MMO, ha recentemente fatto una sorta di dietrofront. Egli infatti afferma che la lettera precedente è stata…

Chronicles of Elyria è morto, studio chiuso, sviluppatori licenziati

Chronicles of Elyria è morto, studio chiuso, sviluppatori licenziati

Chronicles of Elyria, ambiziosissimo MMORPG fantasy indipendente finanziato su Kickstarter nel 2016, aveva fatto parlare di sè recentemente dopo una lunga interruzione delle comunicazioni. Gli sviluppatori avevano infatti ritenuto opportuno pubblicare, dopo quasi un anno di silenzio, un video di gameplay che non poteva essere definito in altro modo se non… brutto. Dopo quattro anni di sviluppo, lo stato del gioco era pietoso, e pensare che il progetto aveva raggranellato ben 7,7 milioni di dollari dai giocatori, soltanto tramite meccanismi di crowdfunding. E così giungiamo ad oggi, quando come un fulmine a ciel sereno Jeromy “Caspian” Walsh, CEO di Soulbound Studios, ha annunciato la morte di Chronicles of Elyria. In un post sul sito ufficiale, infatti, egli racconta la storia travagliata di…

PLINIOUS EX MACHINA – CHRONICLES OF DELYRIO

PLINIOUS EX MACHINA – CHRONICLES OF DELYRIO

Nell’industria dei videogiochi crowdfundati si fa in fretta a passare da santi a cornuti, da salvatori della patria a truffatori. Si è visto prima con Richard Garriott, che da guru dei giochi di ruolo qual era è diventato per molti una “reliquia del passato” dopo aver presentato il suo Shroud of the Avatar. Lo stesso Chris Roberts, idolo indiscusso negli anni Duemila per Wing Commander e Freelancer, con Star Citizen si è beccato tanti milioni quante polemiche: è risaputo che ogni due per tre salta fuori qualcuno per accusare il team di Cloud Imperium Games di voler “prendere i soldi e scappare alle Maldive” (che poi, se davvero volessero scappare con i soldi, che aspettano?…