MMO.it

Recensioni

Ghost of Tsushima – Recensione dell’ultima esclusiva Sony

Ghost of Tsushima – Recensione dell’ultima esclusiva Sony

Dal momento in cui la tecnologia dell’industria videoludica l’ha reso possibile, sono stati realizzati diversi giochi a tema samurai, shinobi e ninja. Questo è sicuramente dovuto al fatto che molti di questi prodotti sono giunti dal Paese del Sol Levante, dove queste figure appartengono alla storia, ma anche per la fascinazione che queste figure del passato suscitano, specialmente nel fruitore occidentale, estraneo a questa cultura. In particolare è il periodo storico dell’epoca Sengoku ad aver ispirato il maggior numero di giochi (e film) a tema samurai, grazie alla presenza di numerose figure carismatiche coinvolte su molteplici fronti in una guerra per la supremazia, al fine di unificare il Giappone. Alcuni esempi recenti a tal proposito sono…

Superhot: Mind Control Delete – Recensione.exe

Superhot: Mind Control Delete – Recensione.exe

Inconsciamente pensavo che il titolo prodotto da Piotr Iwanicki avesse già esaurito il suo potenziale, che non potesse migliorare ulteriormente. Esso proponeva un’esperienza videoludica peculiare e coinvolgente, unica nel suo genere. Mi sbagliavo: Superhot può ancora regalare tanto e Mind Control Delete ne è la dimostrazione. Il nuovo capitolo di Superhot, che potremmo considerare come un’espansione stand alone, aggiunge una serie di feature che ampliano un gameplay già di per sé ottimo. Si tratta di un titolo more of the same, ma che sfrutta al meglio le potenzialità delle frenetiche meccaniche. Il gioco lo chiede spesso: quanto ancora vuoi giocare Superhot? Ancora e ancora. Per chi non lo conoscesse, Superhot è uno sparatutto in prima…

Valorant – Recensione del nuovo sparatutto competitivo di Riot

Valorant – Recensione del nuovo sparatutto competitivo di Riot

Negli ultimi anni i giocatori di FPS competitivi hanno trovato un’offerta diversificata e ben supportata sul lungo periodo. Titoli come Rainbow Six Siege, Counter-Strike: Global Offensive, Overwatch e Fortnite hanno creato community fedeli ed estremamente dedicate, facendo pensare agli addetti ai lavori (e non solo) che non ci potesse essere un’altra formula in grado di farsi spazio tra giganti di un certo livello. Evidentemente Riot Games, la grande società nota ai più per League of Legends, non era dello stesso avviso. Per questo motivo, dopo un lungo periodo di valutazione, ci troviamo a parlare di Valorant, nuovo FPS tattico free-to-play finora uscito esclusivamente su PC. Prima di parlare dei tratti distintivi di questo titolo, delle meccaniche…

Disintegration – Recensione: Human after all

Disintegration – Recensione: Human after all

Disintegration è un prodotto molto particolare. Se da un lato possiede della caratteristiche coinvolgenti e innovative, dall’altro sfortunatamente dà l’impressione di essere nato già vecchio. L’opera prima di V1 Interactive edita da Private Division consegna al consumatore sensazioni molto contrastanti, riuscendo a farsi apprezzare, ma solo dopo alcune ore di gioco. La nuova IP è stata ideata da Marcus Lehto, co-creatore della serie Halo, che ha portato avanti questo progetto per diversi anni, assicurandosi di riuscire a restituire un’esperienza di gameplay peculiare. Disintegration è caratterizzato da un’ambientazione fantascientifica distopica in cui un gruppo di fuorilegge, guidato da Romer Shoal, rappresenta l’ultimo baluardo di salvezza dell’umanità, minacciata dalle forze della Rayonne e dalla loro crociata per eliminare…

The Elder Scrolls Online: Greymoor – Recensione

The Elder Scrolls Online: Greymoor – Recensione

C’erano una volta un produttore di videogame chiamato ZeniMax, proprietario, fra le altre, di una software house famosissima per aver creato uno dei giuochi di ruolo per computer più epocali di sempre. La software house si chiamava, e si chiama ancora, Bethesda, e la saga memorabile è ovviamente quella di The Elder Scrolls, nella sua versione single player. Inutile dilungarsi su quanto, dal 1994, da Arena fino a Skyrim, questi giochi abbiamo contribuito alla storia dei videogame, o quanto abbiamo influito sulla nostra capacità di viaggiare con l’immaginazione, facendoci esplorare mondi che mai avremmo pensato potessero esistere (almeno su un PC). Poi successe qualcosa. Gli sviluppatori, dopo aver dato alla luce nel 2011 il quinto…

Crucible – Recensione: la confusione targata Amazon

Crucible – Recensione: la confusione targata Amazon

Crucible è finalmente uscito su PC come free-to-play su Steam, ma fino a qualche mese fa non si sapeva nemmeno della sua esistenza. O meglio, si sapeva di uno shooter prodotto da Amazon Game Studios e Relentless Studios, ma il gioco è sparito dai radar fino al fatidico articolo del New York Times, il quale confermava che sarebbe uscito questo mese. Si tratta di uno dei primi titoli realizzati da Amazon, con un altro che dovrebbe uscire già ad agosto, ovvero New World. Le modalità con cui la compagnia americana sta gestendo lo sviluppo dei suoi prodotti rivela una mancanza di visione creativa e una gestione interna abbastanza altalenante. Crucible è infatti il risultato della…

Mount & Blade 2: Bannerlord – Recensione Early Access

Mount & Blade 2: Bannerlord – Recensione Early Access

Più volte negli ultimi anni abbiamo sostenuto legittimamente il lento declino del mercato dei videogiochi occidentali, intendendo con quello i prodotti provenienti dagli Stati Uniti d’America e dall’Europa Occidentale. Se i primi sono ormai chiaramente realizzati per una indiscutibile ed unica necessità, quella del profitto, i secondi ancora cercano di barcamenarsi, ma non riescono più a dare quella spinta innovativa per cui erano famosi in passato. Sulle produzioni “hollywoodiane” dei videogiochi, a matrice americana, non vale la pena spendere altre righe, tanta è la loro pochezza. Per ciò che riguarda invece la nostra Europa Occidentale, è evidente che il coraggio di un tempo sta venendo sempre meno. Notiamo intanto che con Europa Occidentale io fermo…

Fallout 76: Wastelanders – Recensione: quel che ci voleva da subito

Fallout 76: Wastelanders – Recensione: quel che ci voleva da subito

Nonostante nel 2018 avessi dato a Fallout 76 un voto negativo, ero pienamente conscio delle sue potenzialità. Fino ad adesso il titolo prodotto da Bethesda non ha avuto una linea di design chiara: nessun NPC, missioni solo da robot o olonastri, continue fasi di shooting e poco gioco di ruolo. Questa era, in estrema sintesi, la situazione che ha caratterizzato Fallout 76 sino ad adesso. Un barlume di speranza sembra però esserci: una luce in fondo al tunnel. Wastelanders è un aggiornamento gratuito che, a gamba tesa, introduce all’interno del prodotto tutto ciò che con tanta smania era stato richiesto nei mesi scorsi. Gli NPC sono finalmente tornati in Appalachia, e con loro anche tutta…

Resident Evil REsistance – Recensione

Resident Evil REsistance – Recensione

Resident Evil 3 Remake è uscito ufficialmente il 3 aprile su PlayStation 4, Xbox One e PC tramite Steam, e con esso anche la modalità multiplayer REsistance. Un prodotto inaspettato all’interno del titolo di casa Capcom che ha immediatamente suscitato il mio interesse, lasciando però riecheggiare nella mia testa la domanda: è una modalità di cui si sentiva il bisogno? La risposta è: no, non se ne sentiva particolarmente il bisogno. La modalità c’è ed è anche interessante, ma non aggiunge molto all’esperienza complessiva di Resident Evil 3 Remake. La campagna a singolo giocatore infatti è solida, per quanto poco longeva, e probabilmente sarebbe stato più saggio concentrarsi di più e meglio su di essa, piuttosto…

Resident Evil 3 Remake – Recensione

Resident Evil 3 Remake – Recensione

L’uscita di Resident Evil 3 Remake durante la pandemia di Covid-19 è un fatto che difficilmente mi farà dimenticare questo capitolo della saga. Un tempismo quantomeno perfetto per rilasciare un prodotto la cui narrativa affronta una minaccia batteriologica di grandi proporzioni, nata nei laboratori della Umbrella in quel di Raccoon City. Insomma, un contesto globale di pandemia che fa da sfondo all’uscita di un capitolo di una delle più grandi saghe zombie mai create. Se gli zombie erano riusciti, durante gli anni ’70 e ’80, a catturare l’attenzione e la paura del pubblico attraverso il loro lato orrorifico e l’introduzione nel genere dell’elemento del contagio, adesso sicuramente potranno vivere nuova vita. Il filosofo Maxime Coulombe…