MMO.it

Lost Ark: la versione coreana rimuove il gender lock e aggiunge la battle royale

Lost Ark: la versione coreana rimuove il gender lock e aggiunge la battle royale

La versione coreana di Lost Ark, l’action MMORPG isometrico targato Smilegate, riceverà il 15 gennaio un grosso update per la Season 2.

Sebbene non si abbiano ancora novità su una possibile release in Occidente, Lost Ark sembra avvicinarsi ai nostri standard. Un cambiamento rilevante nella Season 2 sarà la rimozione del genderlock: i giocatori avranno finalmente la possibilità di creare il personaggio che vogliono, come un Devil Hunter donna o un Battlemaster uomo.

Ulteriore novità è l’aggiunta delle difficoltà Challenge e Nightmare, per i seguenti Guardian Raid: Acates, Igrexion e il nuovo raid Elberhastic. Queste modalità, a detta degli sviluppatori, saranno molto più difficili e si baseranno sul livello degli oggetti e dell’equipaggiamento.

I giocatori interessati alle abitazioni saranno soddisfatti con l’aggiunta dell’Expedition Territory Island, un’intera isola dove costruire la propria casa. Oltre a poter costruire e decorare, sull’isola si potranno invitare gli NPC con cui si ha un alto grado di affinità, li si potrà vestire e mandare a svolgere alcuni incarichi per ricevere dei compensi.

Smilegate ha inoltre annunciato l’arrivo della Photo Mode e della modalità battle royale: quest’ultima si svolgerà su un’isola dove i giocatori si daranno battaglia a vicenda, mentre dovranno sopravvivere agli attacchi dei dinosauri ostili.

L’update porterà con sè un inedito dungeon sottomarino, un nuovo Guardian Raid, un nuovo continente e, sebbene non si sappia quando, due nuove classi ancora da svelare. Infine, per ciò che concerne i cambiamenti riguardanti la qualità della vita, l’UI verrà migliorata, vi sarà un revamp delle life skill e del sailing, una modifica al farming e al levelling, oltre a vari cambiamenti nelle Guild War, come l’aggiunta di fortezze e assedi.

Di seguito trovate il video in coreano con tutti gli annunci. Ricordiamo che abbiamo incluso Lost Ark nella nostra selezione degli MMO più attesi del 2020. Se non volete aspettare la release occidentale potete provare subito il titolo sui server russi, utilizzando una VPN: per questo abbiamo pubblicato una guida apposita.

E voi, credete che la rimozione del genderlock sia un segno che Lost Ark arriverà a breve in Occidente?

 

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Placeholder for advertising

Rispondi