MMO.it

Ghost Recon Breakpoint: disponibile il primo raid, Ubisoft promette altre patch e migliorie

Ghost Recon Breakpoint: disponibile il primo raid, Ubisoft promette altre patch e migliorie

Tom Clancy’s Ghost Recon Breakpoint è disponibile da inizio ottobre su PlayStation 4, Xbox One e PC tramite Uplay ed Epic Games Store. Nei giorni scorsi Ubisoft ha introdotto con un aggiornamento gratuito Project Titan, il primo raid della serie.

Project Titan è un raid per quattro player e rappresenta al momento il contenuto endgame più difficile di Ghost Recon Breakpoint. Qui i giocatori devono cooperare per sconfiggere i Titani, avanzati droni della Skell Technology.

Project Titan è ambientato sull’isola di Golem, una nuova regione al largo di Auroa, dove sorge un vulcano attivo; l’isola è occupata da una nuova fazione, chiamata Lupi Rossi. Il raid presenta quattro diversi boss: Baal (no, non quello di Diablo 2), Quantum Computer, Gargoyle e Cerberus.

Per accedere al contenuto tutti e quattro i giocatori devono avere un livello equipaggiamento superiore a 150. Al momento è disponibile solo il livello di difficoltà Normale, ma all’inizio del prossimo anno verranno aggiunti anche i livelli Facile ed Eroico.

Ubisoft ha pubblicato il trailer italiano dedicato a Project Titan, che potete vedere in calce alla news. Ma non è tutto: in questi giorni la compagnia francese ha pubblicato un post sul sito ufficiale in cui assicura che il titolo continuerà ad essere supportato e migliorato con nuovi update e DLC.

Il lancio di Ghost Recon Breakpoint, infatti, non è andato esattamente liscio come l’olio. Anzi, sarebbe più corretto dire che è stato un mezzo disastro: al day one il gioco era afflitto da gravi problemi tecnici di tutti i tipi, tra cui bug, glitch, compenetrazioni, texture caricate in ritardo e oggetti che sparivano. A tutto questo si è aggiunto l’annoso problema delle microtransazioni pay to win all’interno di un prodotto venduto a prezzo pieno, che sicuramente non ha aiutato a migliorare la situazione.

Il team di sviluppo di Ubisoft Paris ha quindi promesso una serie di patch in arrivo tra dicembre e la prima metà del 2020 che miglioreranno drasticamente il titolo, a partire dalla rimozione della necessità dell’always online, una delle feature più criticate dalla community: gli utenti potranno così giocare alla campagna single player di Breakpoint anche senza essere connessi.

Inoltre i futuri aggiornamenti gratuiti porteranno all’aggiunta di altri raid, numerosi elementi aggiuntivi per la personalizzazione di armi e vestiti, nuovi veicoli e feature multiplayer, tra cui miglioramenti al co-op e nuove sfide per la modalità PvP.

Ricordiamo che sia The Division 2 che Ghost Recon Breakpoint hanno fatto registrare vendite al di sotto delle aspettative per Ubisoft, cosa che ha portato il publisher a rivedere il processo produttivo dei suoi prossimi giochi a partire da Gods & MonstersWatch Dogs: Legion e Rainbow Six Quarantine, tutti rinviati all’anno fiscale 2020-2021.

 

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Placeholder for advertising

Rispondi