MMO.it

Star Wars The Old Republic: rimosse molte restrizioni per i giocatori F2P e preferred

Star Wars The Old Republic: rimosse molte restrizioni per i giocatori F2P e preferred

A giugno vi abbiamo riportato che il prossimo aggiornamento di Star Wars: The Old Republic (SWTOR per gli amici) avrebbe portato delle grosse modifiche al modello free-to-play del titolo, con un’importante revisione del programma.

Ebbene, oggi 16 luglio è approdato sui server il Game Update 5.10.4: come promesso, BioWare ha rimosso molte restrizioni per gli utenti free e preferred (coloro che hanno pagato l’abbonamento in passato).

Come recita il sito ufficiale:

In Star Wars: The Old Republic ci sono tre modi diversi con cui i giocatori possono godersi il gioco – come abbonato, free-to-play o preferred.

  • Free-to-Play – Giocatori che non hanno speso soldi e hanno accesso alla trama originale del gioco.
  • Preferred – Giocatori che erano o abbonati o hanno speso soldi nel Cartel Market.
  • Abbonati – Giocatori che pagano una abbonamento mensile per accedere a tutti i contenuti di gioco di SWTOR.

Le modifiche riguardano principalmente tre aspetti del gioco:

  • il limite massimo di crediti: tutti i giocatori potranno racimolare fino a un milione di Crediti, avendo così molta più libertà nel guadagnare denaro e comprare oggetti in-game.
  • Una hotbar aggiuntiva: i giocatori F2P hanno ora accesso a tre quickbar (invece delle attuali due), mentre i preferred a cinque (invece di quattro).
  • Ogni giocatore potrà poi accedere senza limitazioni ai viaggi rapidi e alle sonde mediche (di fatto un revive sul posto).

 

Tutte queste modifiche dovrebbero quindi contribuire a rendere SWTOR più divertente e godibile anche per gli utenti free o ex-abbonati. Inoltre, nuovi oggetti sono ora disponibili nel Cartel Market, il negozio in-game.

Ricordiamo che a settembre uscirà la prossima espansione del titolo, Onslaught. Allora, tornerete a giocare a The Old Republic con questo nuovo programma F2P?

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Placeholder for advertising

Rispondi