MMO.it

Anthem: problemi su PS4, possibili rimborsi da parte di Sony

Anthem: problemi su PS4, possibili rimborsi da parte di Sony

Nonostante il supporto post-lancio da parte di BioWare, la versione PlayStation 4 di Anthem continua ad essere vittima di numerosi problemi. Oltre ai bug, diverse discussioni su Reddit delineano numerosi crash in fase di matchmaking.

Si tratta di problemi abbastanza gravi, che riportano il giocatore alla dashboard PlayStation o che possono portare la console a spegnersi come se mancasse la corrente.

Sony è consapevole della situazione e, secondo quanto riportato da alcune testate internazionali e sui social, sembra che si stia attivando per avviare una politica di rimborso: alcuni utenti, infatti, affermano di averlo ricevuto in tempi quasi immediati (si parla di tempistiche che variano dai cinque ai quindici minuti).

Altri affermano contrariamente di aver contattato l’assistenza senza successo. Molto probabilmente, l’azienda vuole concedersi un po’ di tempo per accertarsi che l’acquirente abbia effettivamente riscontrato i problemi che causano la conseguente richiesta di rimborso.

Vista la presenza di pareri discordanti, non è ancora chiara la direzione che vuole prendere Sony al riguardo.

Nel frattempo nei giorni scorsi è uscito l’aggiornamento volto a migliorare il loot e il sistema di gestione delle ricompense, tuttavia non tutti sembrano soddisfatti del risultato. Su Reddit diversi utenti sostengono che le percentuali di drop dell’equipaggiamento siano state dimezzate, probabilmente per impedire ai giocatori di ottenere gli oggetti “best in slot” troppo in fretta. Di conseguenza sarebbe aumentata la quantità di grind necessaria.

Vedremo se queste informazioni verranno confermate nei prossimi giorni. Voi avete riscontrato problemi simili con Anthem?

 

Fonte 1, Fonte 2

Acquista Anthem su Amazon.it

 

Placeholder for advertising

Un pensiero su “Anthem: problemi su PS4, possibili rimborsi da parte di Sony

  1. lucam78

    il gioco mi piace, ma mi chiedo come si possano commettere ancora oggi errori così grossolani in fase di progettazione dopo aver comunque testato il gioco.

Rispondi