MMO.it

Activision Blizzard: in arrivo centinaia di licenziamenti?

Activision Blizzard: in arrivo centinaia di licenziamenti?

Secondo un’inchiesta di Bloomberg, martedì 12 febbraio Activision Blizzard annuncerà una serie di licenziamenti interni a causa delle vendite minori del previsto di prodotti come Destiny 2: Forsaken (in italiano I Rinnegati) e il rallentamento economico di Overwatch.

A seguito dell’indiscrezione, il titolo, quotato in borsa sul NASDAQ, ha immediatamente perso oltre il 2%, anche se la discesa sembra essersi ridotta.

Activision impiega, attualmente, circa 9800 persone. Bloomberg parla di licenziamenti di massa per centinaia di dipendenti. Questa quantità di licenziamenti è necessaria, pare, per centralizzare maggiormente lo sviluppo dei titoli e per incrementare i profitti.

Le avvisaglie si erano già viste nella conferenza di novembre, quando era stato ammesso che molti titoli, tra i quali il già citato Overwatch e Hearthstone, stavano entrando in un trend negativo in termini di guadagni e di utenti giocanti.

Come si ricorderà, non più tardi di un mese fa aveva fatto scalpore la decisione di Bungie di separarsi da Activision, mantenendo il controllo creativo sul franchise Destiny. Una mossa che alcuni avevano ritenuto fosse stata dettata da questioni puramente economiche: secondo questi, Destiny sarebbe ormai morente e non avrebbe senso per Activision mantenere il controllo su un titolo in perdita. Se le voci dei licenziamenti fossero vere, questa teoria avrebbe una prova importante a suo favore.

In generale 2018 è stato un anno difficile per Activision Blizzard tra il calo in borsa, le accuse di alcuni impiegati, il caso Diablo Immortal e lo stop allo sviluppo di Heroes of the Storm con conseguente rivolta dei giocatori professionisti. Infine, la compagnia ha recentemente licenziato il CFO Spencer Neumann, che verrà presto sostituito da Dennis Durkin.

Che ne pensate se questi licenziamenti venissero confermati?

 

Fonte 1Fonte 2

 

Placeholder for advertising

Rispondi