MMO.it

L’Epic Games Store pagherà gli influencer con Support-A-Creator

L’Epic Games Store pagherà gli influencer con Support-A-Creator

In quest’ultimo periodo non è inusuale sentire parlare delle ultime mosse legate a Epic Games e al suo nuovo store digitale: solo la scorsa settimana vi abbiamo riportato che The Division 2 verrà distribuito in esclusiva PC su Epic Games Store e uPlay.

La compagnia sembra voler rimanere sotto i riflettori. Stavolta a far discutere è il programma Support-A-Creator. Questo è articolato in maniera tale da permettere un contatto diretto tra sviluppatori e influencer, dando loro la possibilità di giocare al gioco e di ottenere una percentuale dei ricavi. L’influencer riceve una quota fissa ad ogni copia venduta tramite un codice di acquisto referral.

Così facendo il “mestiere” dell’influencer si trasforma sempre più in un testimonial, ruolo comunque già ampiamente diffuso. Il programma lascia spazio a molte critiche etiche e di trasparenza. È sicuramente un tema controverso: da una parte potrebbe influire pesantemente sulle recensioni di un gioco e dall’altra invece permette ai creatori di contenuti di avere introiti attraverso la collaborazione palese con gli stessi sviluppatori. Si tratta insomma di un programma dalle ripercussioni imprevedibili e diametralmente opposte, che ha già iniziato a suscitare le prime polemiche.

Il game designer Jeff Minter non le ha mandate a dire su Twitter, criticando duramente l’iniziativa di Epic Games e accusandola di aumentare la “tossicità” dell’industria videoludica. La discussione è al momento molto accesa sull’argomento, tuttavia il programma non sembra essere definitivo, secondo quanto riportato da Gamasutra.

Di seguito potete leggere il tweet di Jeff Minter. E voi cosa ne pensate di Support-A-Creator?

 

Fonte 1, Fonte 2

 

Taggato con: , ,

Placeholder for advertising

Rispondi