PLINIOUS EX MACHINA: PREDIZIONI PER IL 2017

PLINIOUS EX MACHINA: PREDIZIONI PER IL 2017

Il 2017 è in corso già da un po’, e noi di MMO.it non abbiamo mancato di dire la nostra con lo speciale sugli MMO più attesi dell’anno. Oggi, tuttavia, voglio lanciarmi in un po’ di speculazioni selvagge e provare a indovinare ciò che vedremo (o non vedremo) nel 2017. Alcune delle cose che leggerete di seguito sono state confermate ufficialmente, ma la maggior parte sono solo frutto dei miei viaggi mentali. Perchè alla fine non c’è niente di più divertente che provare a fare i veggenti.

Ecco dunque le mie previsioni-predizioni per i videogiochi e gli MMO del 2017. Nostradamus mi fa un baffo… fate largo al mago Plinious!

Plinious Ex Machina 2017

Nei prossimi mesi il team di Ashes of Creation inizierà una raccolta di crowdfunding su Kickstarter per finanziare il gioco. La campagna avrà successo e così inizierà a pieno regime lo sviluppo di questo MMORPG sandbox.

LEGO Worlds, in uscita il 10 marzo, riceverà diverse recensioni positive ma anche tante critiche per non essere cambiato abbastanza rispetto al titolo rimasto per due anni in accesso anticipato su Steam.

Revelation Online vedrà un’open beta a marz… ops, questo è stato annunciato ufficialmente ieri. Manca dunque poco all’uscita del nuovo MMO di My.com. Ritarderà invece di più Bless, che vedrà una closed beta europea solo tra diversi mesi, mentre il lancio avverrà nella seconda parte dell’anno.

Per Dark and Light Snail Games continuerà ancora un po’ il suo giochetto di rilasciare informazioni altisonanti (e spesso in contraddizione tra loro) per gonfiare l’hype, poi verso aprile o maggio il gioco approderà in Early Access su Steam. Pur ricevendo molte inevitabili critiche, si rivelerà più avanti nello sviluppo di altri survival, come ad esempio Conan Exiles. 

A proposito del titolo di Funcom, nonostante le intenzioni della casa norvegese di tenere il gioco in Early Access al massimo un anno la sua uscita definitiva ritarderà, non arrivando prima di fine 2018. Ciò non toglie che nei prossimi mesi il gioco migliorerà e il prossimo anno potremmo anche vedere l’arrivo di un nuovo bioma oltre al deserto.

Per quanto riguarda Albion Online, dopo l’update Galahad (in uscita a marzo) gli sviluppatori si prenderanno qualche mese per apportare gli ultimi aggiustamenti e poi annunceranno finalmente la release, verso giugno o giù di lì. Il gioco riceverà forti critiche da molte parti, ma nonostante questo si ritaglierà una buona nicchia di utenti e curiosi vari.

Uscirà quest’anno anche Shroud of the Avatar (o meglio, l’Episode 1: Forsaken Virtues). Azzardo agosto o settembre come mesi di lancio. Il titolo di Richard Garriott verrà criticato a prescindere da molti per via dello store in cui acquistare case e altri beni, ma a sorpresa si rivelerà un buon RPG sandbox. A proposito di sandbox, Life is Feudal uscirà a fine anno: il gioco di Bitbox si rivelerà una sorpresa inaspettata e, pur essendo un MMORPG hardcore duro e puro, radunerà molti più utenti del previsto.

 

life is feudal

 

Sea of Thieves verrà rinviato almeno fino alla seconda parte del 2017, mentre proseguirà il lungo cammino di patch e update per Gloria Victis, che non uscirà quest’anno dall’Early Access, così come Crowfall. Lo stesso si può dire per Camelot Unchained, che però nei prossimi mesi vedrà l’arrivo dell’attesa versione beta. Più lunghi i tempi per Pantheon: Rise of the Fallen, ancora in pre-alpha, che tuttavia entro l’anno potrebbe raggiungere la fase di alpha.

Chronicles of Elyria non uscirà prima del 2019, ma quest’anno dovremmo almeno mettere le mani sulla demo offline, chiamata Prologue: The Awakening. ElyriaMUD e Kingdoms of Elyria tarderanno di più.

Non prevedo purtroppo buone nuove per The Repopulation. Dopo il passaggio di proprietà a Idea Fabrik il gioco è tornato all’Hero Engine e dovrebbe essere rilanciato su Steam nel primo quarto dell’anno (quindi entro marzo). Contando che siamo a febbraio e non se ne sa ancora nulla vedo molto quotato un rinvio, ma la verità è che non mi stupirei se il progetto venisse interrotto, come sembrava stesse per succedere già l’anno scorso. Discorso simile anche per Fragmented, lo spin-off survival sviluppato da Above & Beyond (i creatori originali di The Repopulation), che va avanti moolto lentamente e, a questo punto, dubito uscirà mai realmente dall’Early Access.

Al contrario il 2017 sarà un grande anno per Standing Stone Games che, libera dai condizionamenti di Warner, potrà dedicarsi a supportare i suoi due MMO storici, Dungeons & Dragons Online e Lord of The Rings Online. Sarà soprattutto quest’ultimo a vivere un anno di grazia con l’arrivo dell’Update 20, del decimo anniversario, dell’espansione dedicata a Mordor, del revamp degli avatar e dell’introduzione della razza degli Alti Elfi.

Dopo la conclusione della terza stagione del living world, tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, ArenaNet annuncerà la seconda espansione di Guild Wars 2, che uscirà nel corso del 2018. Per l’ambientazione azzardo il Crystal Desert, come sembrava far pensare un leak di qualche mese fa. Similmente BioWare annuncerà una nuova espansione per Star Wars: The Old Republic.

Capitolo The Elder Scrolls Online: sappiamo che dopo l’uscita di Morrowind a giugno arriveranno altri due DLC: uno introdurrà nuovi dungeon (in stile Shadows of the Hist) e l’altro una nuova regione e contenuti (in stile Orsinium o Thieves Guild). Io dico che la nuova zona sarà la Clockwork City.

 

In cambio non vedremo nessun nuovo capitolo singleplayer della saga per almeno altri due anni. Conviene (purtroppo) rassegnarsi. Da Bethesda possiamo invece aspettarci un nuovo Wolfenstein dopo gli acclamati The New Order e The Old Blood: secondo i rumor il gioco verrà svelato al prossimo E3 e si chiamerà Wolfenstein: The New Colossus.

Proprio all’E3 Ubisoft annuncerà il prossimo Assassin’s Creed dopo un anno di pausa: se i rumor sono corretti il nuovo capitolo sarà ambientato nell’antico Egitto e uscirà, come da tradizione, tra ottobre e novembre. Ubisoft potrebbe inoltre annunciare un nuovo Far Cry e un nuovo Splinter Cell (d’altronde Blacklist risale al 2013). Non sarebbe male neanche saperne di più su Beyond Good and Evil 2, ormai in sviluppo da anni.

Nel frattempo, con Xbox Scorpio in uscita quest’anno Microsoft mostrerà probabilmente i muscoli annunciando nuovi capitoli di Halo, Forza Horizon e Gears of War.

Nessun nuovo Battlefield nel 2017, ma il supporto a Battlefield 1 continuerà almeno fino a dicembre con i quattro DLC inclusi nel season pass (di cui il primo, They Shall Not Pass, previsto per marzo). Electronic Arts tornerà alla carica con Star Wars: Battlefront II, che arriverà a fine anno in concomitanza con l’uscita nei cinema di Star Wars VIII: il gioco presenterà un comparto multiplayer ampliato rispetto al predecessore e anche una campagna singleplayer. Altri due grossi progetti basati sull’IP di Star Wars non sono ancora stati annunciati: il primo, in sviluppo presso Visceral Games, è un action adventure open world in terza persona (sullo stile dell’ottimo Middle-earth: Shadow of Mordor), mentre il secondo sarà più probabilmente uno sparatutto, com’è lecito aspettarsi da Respawn Entertainment (gli autori di Titanfall 1 e 2).

Immancabile a settembre uscirà FIFA 18, a cui in autunno si aggiungerà il nuovo Need for Speed di Ghost Games. Ovviamente arriverà anche un nuovo Call of Duty, che però dovrebbe finalmente abbandonare l’abusato setting futuristico per “tornare alle origini”, come scritto da Activision nella relazione finanziaria di pochi giorni fa. Io propendo per la Seconda Guerra mondiale.

 

 

Come confermato nello stesso documento, poi, Destiny 2 uscirà prima di fine anno per PlayStation 4 e Xbox One. Possiamo aspettarci un gioco più ampio e graficamente avanzato del primo capitolo, che soffriva della sua natura cross-gen. Probabilmente Destiny 2 offrirà un approccio più open world, permettendo di compiere missioni ed esplorare location con poche schermate di caricamento nel mezzo. Voci di corridoio danno in sviluppo anche una versione PC, che con ogni probabilità uscirà dopo quella console.

Per World of Warcraft Blizzard sta già lavorando sulla prossima espansione, che però non verrà svelata prima del 2018. Chi invece si farà vedere è Rockstar, che nei prossimi mesi toglierà il velo su Red Dead Redemption 2 lasciando molti a bocca aperta. Il titolo uscirà in autunno per PS4 e Xbox One mentre la release PC, anche qui, si farà attendere molti mesi (ma alla fine arriverà, come successo con GTA V).

 

 

Infine, ci sono buone probabilità che quest’anno venga annunciato Borderlands 3. Fallito l’esperimento Battleborn, Gearbox ha infatti confermato di star lavorando su un nuovo Borderlands, un nuovo Brothers in Arms e persino un nuovo Duke Nukem (che però è più lontano nel tempo).

Per Star Citizen invece non ci capisco più una ceppa: Roberts aveva smentito che Squadron 42 non sarebbe uscito nel 2016. Invece non solo non s’è visto niente l’anno scorso, ma c’è il rischio che non esca neanche in questo. Che casino. Facciamo che ci risentiamo nel 2018.

Insomma, questo è tutto. Tra un anno vedremo quante di queste previsioni ho azzeccato e quante malamente cannato!

E le vostre predizioni?

 

 

Placeholder for advertising