EVE ONLINE: BANDITO IL GIOCO D’AZZARDO

EVE ONLINE: BANDITO IL GIOCO D’AZZARDO

Il rilascio di EVE Online: Ascension, previsto per l’8 novembre, avrà notevoli conseguenze per l’anziana space opera islandese: come abbiamo già riportato, per la prima volta si potrà giocare anche senza dover pagare l’abbonamento, accontentandosi di una scelta molto limitata di skill rispetto a chi è abbonato.

Naturalmente, questa storica modifica porta con sé effetti collaterali di vasta portata: tra questi, nella necessaria riscrittura di parte dell’EULA, è stato aggiunto il divieto di utilizzare asset del gioco (soldi, navi, oggetti, skill point, PLEX, ecc.) in siti di terze parti dove si effettuano scommesse, lotterie, giochi d’azzardo e in generale i game of chance che gli anglosassoni amano tanto. A partire dall’8 novembre, gestire o usare questi siti con asset di CCP sarà motivo di perma-ban.

Insieme a questo piccolo terremoto, ne è stato annunciato uno ancora maggiore: due dei siti più famosi (o famigerati) di questo tipo sono stati chiusi per RMT (Real Money Trading), i personaggi associati a essi bannati permanentemente e un’indefinita quantità di beni e ISK del gioco confiscati. Le cifre di cui si parla in rete sono vertiginose, come si può immaginare, ma CCP Games ha cucito le bocche di tutti i suoi dipendenti sulla questione.

L’effetto che questo nuovo divieto causerà all’ecosistema di EVE Online è difficilmente prevedibile, considerando che questi siti sono generalmente inserzionisti molto generosi per quelli – legittimi – che invece campavano grazie alla pubblicità dei primi. O per le scommesse sull’Alliance Tournament attualmente in corso. O per le sponsorizzazioni degli eventi reali come EVE Vegas (inizio il 28 ottobre) o EVE NT London (inizio 5 novembre).

Insomma, ancora una volta Ascension fa parlare di sé, e nel bene o nel male diventerà un punto di svolta epocale per EVE Online.

 

Fonte: Massively OP

 

 

Placeholder for advertising