MMO.it

E3 2016 – CHE BARBA!

E3 2016 – CHE BARBA!

Gentil donzelle che non amate peluria sulle lande facciali dei volti dei vostri uomini, allontanatevi.

L’E3 2016 si è finalmente concluso, con somma gioia di tutti coloro che, come il sottoscritto, praticano la difficile professione del “giornalista” videoludico, un mestiere di belle speranze e dal divertimento assicurato ma che nasconde retroscena molto oscuri e complessi, come quello di doversi sorbire dirette lunghe ore in piena notte, scrivendo notizie il più velocemente possibile per bruciare sul tempo la concorrenza.

Volevo però parlarvi di questo terminato E3 appena terminato, di ciò che rimane di tutti gli annunci fatti, condividendo con voi qualche personale pensiero che potremmo riassumere con due semplici parole: che barba!

Il più grande convegno dei videogiochi – una volta veniva presentato così – sembra aver ormai perso definitivamente lo smalto, vittima di fenomeni decisamente spiacevoli e molto dannosi per l’industria dei videogame, come quello dei leak che non manca mai di rovinare il phatos dato dall’attesa di scoprire quale sarà il prossimo gioco che ci impedirà di dormire serenamente fino alla sua uscita. Indiscrezioni, immagini trafugate e addirittura video trailer rubati hanno contribuito a smontare definitivamente quella che era l’idea iniziale del convegno di Los Angeles, un tempo ritrovo per appassionati ed epicentro di première entusiasmanti.

Ad aggiungersi alla lista di distruttori vi è però anche la solita, noiosissima, sequela di publisher: quel piccolo olimpo di auto proclamatesi divinità del ludo digitale che detengono fin troppo saldamente il potere. Parliamo soprattutto di Electronic Arts, Sony, Microsoft e Nintendo… ma cos’hanno mostrato di veramente innovativo durante questo E3? Dove sono le nuove IP? Che fine ha fatto l’originalità?

Battlefield 1, Gears of War 4, Pokémon Sole e Luna, Mass Effect Andromeda, God of War, Fifa 17, Halo Wars 2, The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Final Fantasy XV… sono tutti titoli che non avranno mancato di entusiasmarvi ma rappresentano anche cose viste e riviste, reboot, ennesimi sequel di serie portate avanti fino all’esasperazione. A questa lista si aggiungono le vere novità che però, come The Last Guardian, ci hanno insegnato a non aspettarci più nulla, a non credere alle parole dei sedicenti publisher che continuano a indorare la pillola, vivendo praticamente di solo hype. Horizon Zero Dawn, Scalebound, Days Gone, For Honor e in particolar modo Death Stranding sono forse le uniche piccole perle dell’evento di quest’anno, ma di questi, solamente due sono delle vere novità e, purtroppo, non abbiamo la minima idea di quando saranno pubblicate.

L’emozione non è decollata neanche con l’annuncio di Xbox One S e Scorpio da parte di Microsoft, ignara del fatto che presentare una versione slim di una console poco prima di svelare l’arrivo di un’altra del tutto nuova potrebbe non essere la trovata di marketing più geniale del secolo. Che senso ha acquistare ad agosto un Xbox One più leggera e compatta se nel 2017 dovremo già sostituirla con una nuova console? Spiegatemelo voi, io ormai ho rinunciato a capire e forse l’unica ad averci capito qualcosa è ancora una volta Sony, che ha preferito attendere per mostrare PlayStation 4 NEO.

Di tutto questo devo dire che ben poco mi è rimasto nel cuore, se non il secondo significato del titolo di questo editoriale, anzi, chiamatelo pure sfogo di un falso giornalista: le barbe! Ancora una volta è stato dimostrato come la barba sia di importanza fondamentale per il protagonista di un videogame che si rispetti.

Andiamo però con ordine, di epicità ovviamente, partendo dalla decima posizione.

 

10. Formazione Ghost – Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands

Ubisoft sembra aver optato per una barbuta virilità per il nuovo trailer E3 di Ghost Recon Wildlands e ce lo dimostra con un quartetto di spettri, anzi ghost, dannatamente epici. Ehi, tizio con la bandana! È inutile che provi a nasconderla, lo sappiamo che anche tu hai una barba là sotto!

 

 

9. Jonathan Reid – Vampyr

Vampiri barbuti? Gli sviluppatori di Vampyr sembrano crederci abbastanza con Jonathan Reid e il suo accenno di peluria, quanto basta per rendere il protagonista di questo nuovo gioco diverso dalla massa dei suoi amici non-morti.

 

8. Deacon St. John – Days Gone

Può esistere un cacciatore di taglie senza barba? Forse, ma avrebbe sicuramente una vita davvero breve e triste. Sembra saperlo molto bene Deacon, bounty hunter anche lui, impegnato a sopravvivere nell’aspro mondo post-apocalittico di Days Gone. Ha anche una motocicletta dalla sua parte: gli sviluppatori ci si sono messi d’impegno!

 

7. Morgan – Prey

Prey è tornato e questa volta anche il suo nuovo protagonista, Morgan, potrà contare su una bella barba in ogni giorno della sua ripetitiva vita, lunga quanto basta per un ambientazione sci-fi che si rispetti.

 

6. Norman Reedus/Hideo Kojima – Death Stranding

Kojima è tornato! La separazione da Konami sembra aver giovato non poco all’epicità del celebre ideatore di Metal Gear che ha mostrato dal palco dell’E3 il primissimo teaser del suo nuovo titolo in via di sviluppo, Death Stranding, gioco che potrà contare su un protagonista d’eccezione: Norman Reedus. C’ha la barba pure lui ragazzi!

 
5. Adam Jensen – Deus Ex Mankind Divided

La rivoluzione sta per cominciare ma lo stoico Adam Jensen e il suo immancabile taglio ben curato sono pronti ancora una volta a tuffarsi nella mischia con Deus Ex Mankind Divided. Lunghezza perfetta per il caldo di agosto, mese durante il quale il gioco sarà finalmente pubblicato.

 

4. Corvo Attano – Dishonored 2

Affiancato dalla fida Emily, Corvo Attano è tornato e dietro la sua maschera scopriamo finalmente che si nascondeva un’immancabile barba! Il protagonista di Dishonored è invecchiato, certo, ma anche nel secondo capitolo del titolo di Bethesda potrà mostrare le sue qualità, soprattutto ora che non è più costretto a nascondere il suo volto. La vendetta sembra davvero avergli giovato.

 

3. Vichinghi – For Honor

Suonino i tamburi! Se qualcuno può parlare di barba è sicuramente un guerriero vichingo e For Honor, con il nuovo video dedicato alla campagna singleplayer di questa nordica popolazione, ha ricordato a tutti che per uscire vittoriosi da una battaglia contro dei feroci samurai serve una barba folta e tostissima. Chi se ne frega della poca attinenza storica!

 

2. Marcus Fenix – Gears of War 4

Marcus Fenix ci sarà: il poco tranquillo protagonista della serie Gears of War è tornato a far capolino anche nell’atteso nuovo capitolo, dove però ricoprirà un ruolo secondario, un semplice cameo probabilmente. Evidentemente non vuole rovinarsi la barba che con tanta cura e dedizione è spuntata sul suo poco raccomandabile faccino da sterminatore di locuste.

 

1. Kratos – God of War

Chi non vorrebbe un papà così? Lo sterminatore di divinità torna a mostrarsi in un quasi inatteso trailer per God of War (tutti si aspettavano God of War 4, quindi l’assenza di un numero conta davvero poco) con un aspetto decisamente più brutale e che calza a pennello con la nuova ambientazione ispirata alla mitologia Norrena, da sempre ricca di barbe folte e ben curate. Se avvicinate bene il monitor potrete vedere un filo di peluria anche sulla faccia del figlioletto dell’eroe!

 

Beh, che dire, possiamo anche chiuderla qui, la vostra lanugine sarà cresciuta abbastanza ormai ma spero che il barbuto recap delle novità più interessanti ed epiche dell’E3 sia stato di vostro gradimento.

Ehi! Non provata a tagliare quella barba!

 

 

Placeholder for advertising

Rispondi