the mighty quest for epic loot

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

Così come il 2016 è stato un anno nero per la musica, con la morte di David Bowie, Prince e George Michael, l’anno appena trascorso ha anche visto la chiusura di diversi esponenti del nostro genere preferito. Già nel 2015 avevamo visto la chiusura di vari MMO, tra cui Dragon’s Prophet, Infinite Crisis, Hellgate, Need for Speed World, Face of Mankind e ArchLord 2, ma il 2016 è stato decisamente più “luttuoso”. Ecco i titoli MMO e multiplayer che hanno chiuso o sono stati cancellati nel corso del 2016, con riferimento alla notizia se ne abbiamo parlato: EverQuest Next: a marzo il titolo è stato cancellato da Daybreak Games Greed Monger: a marzo lo sviluppo è stato sospeso da James Proctor Revival: a marzo lo sviluppo è stato interrotto da Illfonic, ma a ottobre la licenza è stata ripresa in mano dagli Skyward* Corp, attuali proprietari…

SECONDO UN DESIGNER UBISOFT I FREE TO PLAY DEVONO CATTURARE DA SUBITO

SECONDO UN DESIGNER UBISOFT I FREE TO PLAY DEVONO CATTURARE DA SUBITO

Stanislav Costiuc, game designer presso Ubisoft, ha recentemente parlato al sito Gamasutra di come i giochi online, e i free to play in particolare, debbano risultare accattivanti fin dal primo minuto di gioco per poter resistere al mercato. Dopo aver provato con mano quattro giochi della società prossimi alla chiusura (tra cui The Mighty Quest for Epic Loot e Ghost Recon Phantoms), il designer si è reso conto di quanto questi fossero carenti sotto vari punti di visti, tra i quali l’esperienza legata ai nuovi giocatori. “L’esperienza introduttiva è importante in ogni gioco, certo”, ha dichiarato Costiuc, “Ma è addirittura vitale per un gioco free to play – senza nessuna barriera monetaria all’entrata non vi è neanche alcuna barriera monetaria all’uscita”. “Nei giochi free to play, il primo approccio al gioco deve assolutamente catturare i giocatori, abbastanza da convincerli a restare per continuare a giocare (e in…

This site uses XenWord.