darkfall unholy wars

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

Così come il 2016 è stato un anno nero per la musica, con la morte di David Bowie, Prince e George Michael, l’anno appena trascorso ha anche visto la chiusura di diversi esponenti del nostro genere preferito. Già nel 2015 avevamo visto la chiusura di vari MMO, tra cui Dragon’s Prophet, Infinite Crisis, Hellgate, Need for Speed World, Face of Mankind e ArchLord 2, ma il 2016 è stato decisamente più “luttuoso”. Ecco i titoli MMO e multiplayer che hanno chiuso o sono stati cancellati nel corso del 2016, con riferimento alla notizia se ne abbiamo parlato: EverQuest Next: a marzo il titolo è stato cancellato da Daybreak Games Greed Monger: a marzo lo sviluppo è stato sospeso da James Proctor Revival: a marzo lo sviluppo è stato interrotto da Illfonic, ma a ottobre la licenza è stata ripresa in mano dagli Skyward* Corp, attuali proprietari…

DARKFALL RISE OF AGON: PROCEDE LO SVILUPPO DI UNO DEI REBOOT DI DARKFALL

DARKFALL RISE OF AGON: PROCEDE LO SVILUPPO DI UNO DEI REBOOT DI DARKFALL

Big Picture Games, la software house responsabile di uno dei due reboot del MMORPG PvP di Aventurine, ha dichiarato che i server di Darkfall: Rise of Agon sono quasi pronti ad accogliere la fase di test dei giocatori. Come gli stessi sviluppatori hanno precisato in un recente diario di sviluppo, l’avanzamento dei lavori è ormai a buon punto e quasi tutti i sistemi di gioco sembrano essere pronti per essere testati dai player. Inoltre, il team ha dichiarato di essere al lavoro su alcuni miglioramenti riguardanti il sito ufficiale, tra i quali anche l’inclusione di una lista di tutti i vari bug presenti nell’iniziale versione del gioco, realizzata da Aventurine, che dovranno essere corretti. Per chi non avesse seguito i recenti sviluppi della vicenda, ci sono ben due reboot ufficiali di Darkfall attualmente in sviluppo. Il primo è appunto Darkfall: Rise of Agon, che punta a riproporre l’esperienza del gioco originale, opportunamente…

This site uses XenWord.