asheron’s call

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

GLI MMO CHE ABBIAMO PERSO NEL 2016 – SPECIALE

Così come il 2016 è stato un anno nero per la musica, con la morte di David Bowie, Prince e George Michael, l’anno appena trascorso ha anche visto la chiusura di diversi esponenti del nostro genere preferito. Già nel 2015 avevamo visto la chiusura di vari MMO, tra cui Dragon’s Prophet, Infinite Crisis, Hellgate, Need for Speed World, Face of Mankind e ArchLord 2, ma il 2016 è stato decisamente più “luttuoso”. Ecco i titoli MMO e multiplayer che hanno chiuso o sono stati cancellati nel corso del 2016, con riferimento alla notizia se ne abbiamo parlato: EverQuest Next: a marzo il titolo è stato cancellato da Daybreak Games Greed Monger: a marzo lo sviluppo è stato sospeso da James Proctor Revival: a marzo lo sviluppo è stato interrotto da Illfonic, ma a ottobre la licenza è stata ripresa in mano dagli Skyward* Corp, attuali proprietari…

ASHERON’S CALL: AVVIATA UNA CAMPAGNA PER SALVARE IL GIOCO

ASHERON’S CALL: AVVIATA UNA CAMPAGNA PER SALVARE IL GIOCO

I giocatori Asheron’s Call si stanno organizzando nel tentativo di salvare in qualche modo il titolo massivo dalla chiusura dei server decisa da Warner Bros per la fine di gennaio 2017. Una nuova campagna su GoFundMe ha iniziato a raccogliere vari consensi da parte dei tanti utenti del titolo, nella speranza attirare l’attenzione della società che sarebbe stata informata dell’iniziativa con una lettera ufficiale. Il team responsabile ha dichiarato: “Tutte le donazioni verranno usate per spese legali e altri costi legati all’acquisizione dei diritti. Vogliamo restituire il gioco ai giocatori come il primo gioco posseduto e gestito dai player”. La campagna ha per il momento raccolto la cifra di 1500 dollari, ancora molto lontani dai 2 milioni stabiliti come obiettivo per avere una possibilità di acquistare i diritti di Asheron’s Call, una somma piuttosto limitata ma che potrebbe unirsi agli sforzi di un’altra raccolta fondi simile, quella della…

ASHERON’S CALL E ASHERON’S CALL 2 CHIUDERANNO A GENNAIO

ASHERON’S CALL E ASHERON’S CALL 2 CHIUDERANNO A GENNAIO

Ieri, dopo l’annuncio che il team che finora si è occupato di Lord of the Rings Online (LOTRO) e Dungeons & Dragons Online (DDO) sarebbe passato da Turbine a Standing Stone Games, ci si chiedeva quali sarebbero state le conseguenze di questa mossa. Ebbene, le conseguenze non sono tardate ad arrivare e purtroppo non si tratta di buone nuove. La notizia non riguarda però i due MMORPG di cui sopra bensì Asheron’s Call, storico MMORPG fantasy appartenente alla prima era degli MMO (quella di Ultima Online ed EverQuest, per intenderci). Turbine e Standing Stone, le due software house coinvolte nel passaggio di proprietà, hanno infatti annunciato che Asheron’s Call e Asheron’s Call 2 chiuderanno entrambi i battenti il prossimo mese: non sarà più possibile creare nuovi account e a fine gennaio i server cesseranno la loro attività. Ecco il comunicato pubblicato dal team su Facebook: È con cuore pesante che…

PLINIOUS EX MACHINA: ANCHE TURBINE ABBANDONA GLI MMO, È LA FINE DI UN’ERA?

PLINIOUS EX MACHINA: ANCHE TURBINE ABBANDONA GLI MMO, È LA FINE DI UN’ERA?

Qualcuno potrebbe dire che la notizia dei nuovi licenziamenti in casa Turbine, per quanto triste, non sia niente di così clamoroso o inaspettato. Alla fine simili ondate di licenziamenti c’erano già state nel 2014 e nel 2015, ed era da anni che Turbine non faceva più niente di davvero importante, tant’è anche il suo ultimo sfortunato titolo, Infinite Crisis, era più un MOBA che tentava di inseguire l’esplosione vissuta dal genere in questi anni che un MMO fatto e finito. Warner Bros assicura che Lord of the Rings Online e Dungeons & Dragons Online continueranno a operare. Tuttavia questa volta non si tratta di una semplice ondata di licenziamenti ma di una vera transizione della software house, che sta diventando “uno studio di sviluppo per giochi mobile e free to play”: primo risultato di questa nuova tendenza è il mobile game Batman: Arkham Underworld. Ecco allora che questo ridimensionamento…

This site uses XenWord.