LANDMARK: I SERVER VERRANNO CHIUSI IL 21 FEBBRAIO

LANDMARK: I SERVER VERRANNO CHIUSI IL 21 FEBBRAIO

Daybreak ha da poco confermato che i server dell’MMO sandbox Landmark verranno ufficialmente chiusi il prossimo 21 febbraio.

Il gioco online, lanciato formalmente nel mese di giugno 2016, rimase per un periodo prolungato in fase di test, causa forse della perdita d’interesse di molti fan che inizialmente avevano creduto nel progetto fino al punto di sovvenzionarlo.

Impossibile sarà inoltre la possibilità di vedere l’arrivo di server privati dedicati a Landmark in quanto la società sviluppatrice non renderà pubblico il codice sorgente. La notizia più sconcertante è però quella che Daybreak non sembra minimamente intenzionata a rimborsare in alcun modo i giocatori per le loro spese, cosa che potrebbe probabilmente portare all’arrivo di numerose lamentele da parte di chi ha investito denaro reale nel negozio del titolo massivo.

Con la chiusura di Landmark arriverà infine anche la totale chiusura dei forum e del relativo sito internet: se avete conosciuto degli amici in questi mesi vi consigliamo quindi di contattarli e scambiarvi un indirizzo email.

 

Fonte: Sito ufficiale

 

 


Commenta nel Forum

Placeholder for advertising

2 pensieri su “LANDMARK: I SERVER VERRANNO CHIUSI IL 21 FEBBRAIO

  1. Skur Main

    Mai avrei pensato di rimpiangere Smedley…

    Avevano il motore grafico, il tool di creazione. i diritti di Everquest…potevano tirare a sviluppare EQ3 senza inventarsi nulla?

    NO, dovevano provare a fare 2 giochi per farli morire entrambi, ma non solo, hanno pure perso la faccia "rubando" soldi alla gente.

    Crepa DayBreak.

  2. Plinious

    Mai avrei pensato di rimpiangere Smedley…

    Avevano il motore grafico, il tool di creazione. i diritti di Everquest…potevano tirare a sviluppare EQ3 senza inventarsi nulla?

    NO, dovevano provare a fare 2 giochi per farli morire entrambi, ma non solo, hanno pure perso la faccia "rubando" soldi alla gente.

    Crepa DayBreak.

    C'è poco da dire, hanno fatto veramente un disastro e non hanno concesso neanche i rimborsi. Sono da condannare senza appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses XenWord.