IL SALOTTO DEGLI MMO – OGGI HA ANCORA SENSO PAGARE IL CANONE?

IL SALOTTO DEGLI MMO – OGGI HA ANCORA SENSO PAGARE IL CANONE?

Se la settimana scorsa eravamo tutti impegnati a seguire l’E3, oggi su MMO.it vi proponiamo una nuova puntata de Il salotto degli MMO, rubrica video in cui ci troviamo a discutere di un tema caldo del mercato massivo.

L’altra volta abbiamo parlato degli MMO del momento, mentre stavolta abbiamo di nuovo Nolvadex in redazione per discutere di un tema particolarmente caro a noi MMO-gamer: oggi è ancora giusto pagare un canone mensile? Ci siamo presi troppe scottature negli anni? Le alternative sono forse migliori? E come sta cambiando il volto del mercato tra free to play e buy to play?

Mettetevi comodi e… buona visione!

 

 

Voi che ne pensate? Commentate e diteci la vostra!

Se vi è piaciuto il video iscrivetevi al nostro canale YouTube per non perdervi neanche un’uscita. Nuovi video sono in arrivo, per cui continuate a seguirci sulle pagine di MMO.it!

 

 


Commenta nel Forum

Placeholder for advertising

9 pensieri su “IL SALOTTO DEGLI MMO – OGGI HA ANCORA SENSO PAGARE IL CANONE?

  1. 22 Hekatos Avenue

    A mio parere la storia che il canone serve a mantenere il gioco poteva essere vero una volta, ma oggigiorno è niente più che una favoletta.

    Detto questo, anche io concordo sul fatto che il modello migliore sia quello di GW2, ossia B2P con shop estetico, a patto che poi i nuovi contenuti non siano esclusivi dello shop, come detto nel video, o che i nuovi contenuti non siano temporanei a una botta e via, come invece era il trend prima che smettessi di giocare.

    Con questo non voglio escludere del tutto il P2P, ma quest'ultimo dovrebbe essere più contenuto e in linea con le esigenze e le realtà odierne. Per dire, un canone di 5, 6 o anche 7 euro potrebbe anche andare bene, ma on di più. Una cifra superiore ai 7/8 sarebbe giustificabile solo di fronte ad un signor Giocone, cosa che, vista anche la saturazione di questa fetta di mercato, semplicemente ritengo impossibile al 100%. I 13 euro mensili di WoW, ad esempio, sono per me totalmente ingiustificati, e questo al di là della qualità del gioco in sé, che non discuto.

  2. Plinious

    A mio parere la storia che il canone serve a mantenere il gioco poteva essere vero una volta, ma oggigiorno è niente più che una favoletta.

    Detto questo, anche io concordo sul fatto che il modello migliore sia quello di GW2, ossia B2P con shop estetico, a patto che poi i nuovi contenuti non siano esclusivi dello shop, come detto nel video, o che i nuovi contenuti non siano temporanei a una botta e via, come invece era il trend prima che smettessi di giocare.

    Con questo non voglio escludere del tutto il P2P, ma quest'ultimo dovrebbe essere più contenuto e in linea con le esigenze e le realtà odierne. Per dire, un canone di 5, 6 o anche 7 euro potrebbe anche andare bene, ma on di più. Una cifra superiore ai 7/8 sarebbe giustificabile solo di fronte ad un signor Giocone, cosa che, vista anche la saturazione di questa fetta di mercato, semplicemente ritengo impossibile al 100%. I 13 euro mensili di WoW, ad esempio, sono per me totalmente ingiustificati, e questo al di là della qualità del gioco in sé, che non discuto.

    Esatto, infatti quella del canone ribassato è una possibilità che ho paventato anch'io nel video.

    13 euro mensili sono troppi per tante ragioni, non ultima il fatto che a fronte di questa spesa dovresti ricevere sempre contenuti nuovi, mentre troppo spesso il gioco rimane com'è (dello stesso WoW non escono patch da mesi, e la prossima sarà per l'espansione che devi pagare separatamente).

  3. pelleossa

    Esatto, infatti quella del canone ribassato è una possibilità che ho paventato anch'io nel video.

    13 euro mensili sono troppi per tante ragioni, non ultima il fatto che a fronte di questa spesa dovresti ricevere sempre contenuti nuovi, mentre troppo spesso il gioco rimane com'è (dello stesso WoW non escono patch da mesi, e la prossima sarà per l'espansione che devi pagare separatamente).

    surplus , surplus everywhere

  4. Vesvlod

    Nonostante negli anni mi sia preso delle belle fregature sono convito che il P2P sia acora valido e garantisca mediamente (e sul lungo periodo) buoni standard di aggiornamenti/fix e community.

    Il B2P e  il F2P sono ottimi metodi di pagamento per chi vuole giocare senza troppi investimenti ma tutti sappiamo i grossi problemi che hanno (dalla deriva pay to win dei F2P alla necessità di pagare per le espansioni più interessanti dei B2P).

    Sul mercato asiatico sta prendendo sempre più spazio la modalità P2P a ore: invece di pagare una quota fissa mensile si paga in base alle ore di gioco,così da non sborsare soldi inutilemente se durante il mese non si ha tempo/voglia di giocare. Cosa ne pensate?

  5. Thessian

    B2P tutta la vita.

    Il canone, come anche il F2P sono modelli totalmente da dimenticare e che hanno fatto il loro tempo. Oggigiorno con l'esagerata offerta di mmo non puoi pretendere che la gente decida di legarsi a un gioco pagando un abbonamento.

    Guild Wars 2 è l'esempio perfetto (o quasi), di come un gioco massivo possa tranquillamente sopravvivere meramente grazie a un acquisto iniziale da parte dell'utente e qualche acquisto in store.

  6. Katrina Bekers

    Sub forever.

    I server e gli stipendi si pagano anche se non giochi. Se non hai intenzione di giocare, questa e' la demo, ciaone.

    Maledetti casuals e three-monthers, andate a demolirvi di Candy Crush lontani dal mio prato!

  7. Th3][R3d

    Sub forever.

    I server e gli stipendi si pagano anche se non giochi. Se non hai intenzione di giocare, questa e' la demo, ciaone.

    Maledetti casuals e three-monthers, andate a demolirvi di Candy Crush lontani dal mio prato!

    THIS!

  8. Plinious

    Nonostante negli anni mi sia preso delle belle fregature sono convito che il P2P sia acora valido e garantisca mediamente (e sul lungo periodo) buoni standard di aggiornamenti/fix e community.

    Il B2P e  il F2P sono ottimi metodi di pagamento per chi vuole giocare senza troppi investimenti ma tutti sappiamo i grossi problemi che hanno (dalla deriva pay to win dei F2P alla necessità di pagare per le espansioni più interessanti dei B2P).

    Sul mercato asiatico sta prendendo sempre più spazio la modalità P2P a ore: invece di pagare una quota fissa mensile si paga in base alle ore di gioco,così da non sborsare soldi inutilmente se durante il mese non si ha tempo/voglia di giocare. Cosa ne pensate?

    Mah, io avevo sentito che era il metodo peggiore di tutti perchè finivi per pagare cifre bulgare, però la certezza non ce l'ho :asd:

    B2P tutta la vita.

    Il canone, come anche il F2P sono modelli totalmente da dimenticare e che hanno fatto il loro tempo. Oggigiorno con l'esagerata offerta di mmo non puoi pretendere che la gente decida di legarsi a un gioco pagando un abbonamento.

    Guild Wars 2 è l'esempio perfetto (o quasi), di come un gioco massivo possa tranquillamente sopravvivere meramente grazie a un acquisto iniziale da parte dell'utente e qualche acquisto in store.

    Sicuramente il B2P è l'opzione più quotata oggi, ma non è detto che sia la migliore in tutto e per tutto. Lo stesso GW2 ha subito un'invasione di oggetti nel Gem store che, per carità, non rendono il gioco pay to win, però talvolta mi chiedo se non sia esagerata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses XenWord.